Adottare un albero d’olivo

Chiudi gli occhi e pensa di essere il custode di un albero d’olivo.

Ora apri gli occhi e leggi come puoi diventare un custode di alberi di ulivo.

Essere custode di un ulivo è un modo per diventare coltivatore virtuale e consente di essere testimonio della nascita di un prodotto unico come l’olio extravergine di oliva.

Gli amanti dell’olio extravergine hanno la possibilità di adottare una pianta d’olivo (cultivar Taggiasca) per poterla coltivare e raccogliere il frutto che poi diventerà l’olio.

L’iniziativa vole promuovere la cultura dell’olio extravergine di oliva di alta quota, offrendo un’informazione seria ed approfondita sulla produzione e sulle modalità di degustazione e di impiego.

Il progetto vuole coinvolgere in maniera diretta i consumatori nel processo produttivo, permettendogli di monitorare costantemente il ciclo di vita e di lavorazione dell’albero custodito e di essere sempre informati circa il suo stato di salute ed attività. Inoltre, se vuole, può partecipare attivamente al suo percorso da quando è in letrago al momento della raccolta.

Una volta preso in custodia, sull’albero viene apposta una targhetto di legno che riporta il nome del custode. Nel corso dell’anno il custode riceve informazioni reative al ciclo di vita della pianta e alla sua cura e lavorazione (fioritura, potatura, lavorazione del terreno, stato di maturazione delle olive), inoltre può intervenire per coltivare lui stesso l’albero e partecipare alla raccolta delle proprie olive ed assistere a tutte le fasi della frangitura.

Scelgi il tuo albero, gli dai un nome, lo vedi crescere, lo vieni a coccolare ed alla fine ne cogli i frutti.